comuni italiani

Artigianato Marchigiano


Marche >>

Artigianato nelle Marche


Marche

Tradizione dell'artigianato marchigiano

Nelle Marche una delle principali tradizioni artigianale è quella della costruzione di strumenti musicali. Le sue fisarmoniche, costruite nell'area fra Recanati e Castelfidardo con la stessa passione e l'attenzione di un tempo, sono conosciute in tutto il mondo.

Un'attenzione, quella dei maestri che ancora si dedicano a questo lavoro, che si concentra non solo sulla qualità del suono dello strumento, ma anche sulle decorazioni, gli intarsi che fanno di molti di questi esemplari delle vere opere d'arte.




Uno dei materiali con cui vengono realizzati gli oggetti di artigianato tipici delle Marche è il giunco, oltre al salice o alla paglia di grano intrecciate, per produrre cesti di vario tipo. Per avere una visione in diretta di questa lavorazione bisogna arrivare ad Acquaviva Picena: qui fra le strade del borgo non è difficile trovare ancora le donne che, sedute sulla soglia di casa, lavorano con l'aiuto di un punteruolo e di un secchio d'acqua la paglia di grano o il salice. Ne nascono ceste porta frutta o porta biancheria, o piatti decorativi molto belli.

Poco diffuso, nonostante la tradizione calzaturiera davvero imponente, è invece l'artigianato del cuoio e della pelle, che spesso si è trasformato per rispondere alle nuove esigenze del mercato: i sellai e i produttori di finimenti per cavalli hanno lasciato il posto a chi lavora il cuoio per realizzare oggetti da scrivania o piccoli souvenir.