comuni italiani

Alberobello e Altamura


Puglia >>

Turismo in Puglia, da Alberobello ad Altamura


Puglia da visitare

Alberobello ed Altamura, la bellezza della Puglia

I trulli rappresentano uno degli aspetti più singolari della Puglia. Per conoscere come si costruivano queste "case di pietra" dalla cupola conico-convessa si può far visita al Museo del Territorio ad Alberobello, e cioè il luogo dove sorgono la maggior parte di queste costruzioni.

Le pietre utilizzate per la loro costruzione erano sparse ovunque sul terreno rendendolo difficile da coltivare: costruire quelli che poi sarebbero stati chiamati "i trulli" comportava due vantaggi: liberare i campi rendendoli coltivabili e ottenere, materiali edili a costo zero. Naturalmente questo museo è locato all'interno di uno di essi, con al suo interno anche gli arredi tipici e gli oggetti usati in antichità dai contadini.

Altamura
nel Museo Etnografico dell'Alta Murgia nel comune di Altamura, è rappresentata la vita contadinae sono conservati gli attrezzi che servivano per la tessitura e il lavoro artigianale, gli strumenti utilizzati per il lavoro nei campi, gli oggetti usati quotidianamente, i vestiti tradizionali. Inoltre vi è una dettagliata descriziolne di come si svolgeva la vita dei pastori e di come veniva preparato il pane.




Crispiano
A Crispiano è presente il Museo della Civiltà Contadina-Masseria Lupoli, situato in una masseria del VI sec. Il nome dato ai poderi agricoli in Puglia proviene dal "manso", l'appezzamento di terreno che una famiglia contadina poteva coltivare con i buoi. Nella masseria, sono ricostruiti gli ambienti delll'Ottocento con attrezzi e utensili utilizzati nel corso degli anni, e anche le prime macchine meccaniche per la campagna.

Tuglie
A Tuglie è presente il Museo della Civiltà Contadina e delle Tradizioni Popolari del Salento dove sono raccolti attrezzi di lavoro e utensili di uso quotidiano esposti in ambienti tradizionali accuratamente riprodotti.

Molfetta
A Molfetta, è presente il Museo della Pietà Popolare sito nel Santuario della Madonna dei Martiri, che annovera diversi ex voto in oro e argento e una collezione di presepi italiani e non.