comuni italiani

Toscana


Toscana >>

Turismo in Toscana

Val d'Orcia

Luoghi da visitare in Toscana (3)

Pitigliano in provincia di Grosseto è una località arroccata su di un poderoso promontorio che emerge da un verde altopiano, con ripide gole formate da corsi d'acqua.

Centro di origine etrusca prima e romana poi, fortificato dalle asperità del terreno, Pitigliano divenne una vera e propria fortezza sotto il dominio degli Orsini nel XIV secolo. Le più importanti trasformazioni sono avvenute nel XVI secolo grazie ad Antonio da Sangallo il Giovane che rafforzò le mura perimetrali con masti e torri e con la progettazione dell'acquedotto, costruito successivamente ad arcate.

Si erge imperioso al centro del borgo il palazzo-fortezza Orsini costruito nei secc. XIV-XIX. L'interno del cortile conserva eleganti elementi rinascimentali. La parte più tipica di Pitigliano è il borgo medioevale, con le sue antiche case dalle murature in pietra e le caratteristiche scale d'accesso verso l'interno. Dalla piazza San Gregorio si può ammirare la facciata settecentesca della cattedrale; nella parte occidentale del borgo si erge il monumento simbolo degli Orsini: un orso araldico posto su di un pilastro di marmo .

Dove tempo e spazio si fondono
Monte Oliveto Maggiore in provincia di Siena si erge l' abbazia dei benedettini Olivetani, costruita per ordine del senese Bernardo Tolomei nel 1313, sorge su di un promontorio folto di cipressi, un'oasi verde nel paesaggio brullo delle crete. All'interno dell'abbazia il chiostro grande con una serie di affreschi riguardanti la vita di San Benedetto attribuiti al Luca Signorelli e al Sodoma.




in questo borgo si rivela il vigore e la potenza espressiva del Luca Signorelli, che preannunciano già il miracolo della Cappella di San Brizio del duomo di Orvieto. Di contro risulta molto evidente la dolcezza, del giovane Sodoma. Nella chiesa abbaziale, costruita nel 1400-1417 e più tardi restaurata in stile barocco, meraviogliosi gli stalli di legno intarsiato del coro dei monaci.

nel borgo di Staggia a sette chilometri da Poggibonsi (Siena), che annovera i resti delle fortificazioni del XIII secolo, rappresenta uno dei tanti piccoli gioielli italiani. Sul fianco della pieve è situato un piccolo museo con oggetti sacri e dipinti dal XIV al XVI secolo. Tra questi è utile segnalare il dipinto del Pollaiolo (XV secolo) raffigurante la "Comunione di S. Maria Maddalena".

Montalcino (Da non perdere)
A Montalcino nella pittoresca Val D'Orcia è situato il Museo Civico e Diocesano, importantissimo per la storia dell'arte senese del Medioevo e del Rinascimento: annovera dipinti, sculture, miniature e maioliche. Da sottolineare la "Bibbia di Sant'Antimo" con oggetti provenienti dall'abbazia omonima e un "San Pietro in cattedra" del Francesco di Valdambrino. Dei secc. XIV-XV sono numerose statue in legno policrome.

Il Museo Civico e Diocesano è situato in via Ricasoli 29, a Montalcino in provincia di Siena. Esiste la possibilità di acquistare un biglietto cumulativo valido per la visita di tutti i sette musei della val d'Orcia.

Signa
A Signa in provincia di Firenze è tradizione la lavorazione della paglia: nel Museo della Paglia e dell'Intreccio D. Michelacci sono in esposizione macchine e attrezzature utilizzate per questa attività, finalizzata alla creazione di cappelli. L'esposizione comprende copricapo di moda dall'Ottocento a oggi.

Scarperia
A Scarperia in provincia di Firenze è documentata l'antica lavorazione dei coltelli, venduti in tutta Europa, nel Museo dei Ferri Taglienti. Si possono osservare vaste campionature di lame e coltelli e gli strumenti di lavoro utilizzati per la loro fabbricazione. In via Solferino 15 è situata anche una bottega ottocentesca di un coltellinaio.

Prato
A Prato è presente il Museo del Tessuto, che espone una amplia collezione di stoffe di valore di ogni tipo, dalle più antiche alle più moderne fibre sintetiche e artificiali. Sono inoltre descritte le varie tecniche di lavorazione, compresa quella dell'arazzo.

Pescia
A Collodi, frazione di Pescia in provincia di Pistoia è allestito un museo all'aperto, il Parco di Pinocchio Paese dei Balocchi. In questo luogo grandi e piccini ritrovano, in un paesaggio di piante di alloro, lecci e laghetti, i più famosi personaggi della fiaba: da Pinocchio alla Fata Turchina, al Grillo Parlante, al Gatto e la Volpe al Carabiniere. Si può anche far visita all'interno della Casa della Fatina o nella pancia della Balena.