comuni italiani

Artigianato in Umbria


Umbria >>

Artigianato in Umbria

Umbria

Artigianato umbro e perugino


L'artigianato in Umbria ha origini storiche: è dal Medioevo che in questa regione l'artigianato e arti minori hanno si sono sviluppate ed hanno trovato una vitalità sempre presente negli anni. Ceramiche, legno, ferro battuto, tessuti e merletti: sono solo una pate delle attività artigiane presenti in regione.

Particolare citazione meritano la tessitura e il ricamo: in Umbria si lavorano i tessuti dal XII secolo, con un'evidente ispirazione agli arazzi francesi ma soprattutto con forme proprie.

Le famose tovaglie perugine ad esempio, prendono spunto dalla cultura mediorientale, decorate con motivi geometrici, figure umane o d'animali. Una tecnica ormai messa nel dimenticatoio e in parte recuperata, come quella della tessitura a mano con il punto chiamato a "fiamma di Perugia" o il "punto Assisi".

Dall'inizio del XX secolo si è ripresa anche l'arte del merletto, particolarmente nella zona del lago Trasimeno, con una lavorazione all'uncinetto detta "pizzo Irlanda" e con una ancora più tipica, l'Ars Wetana, di origine irlandese e che in Umbria si è mantenuta.

A Todi sono presenti molte botteghe d'intagliatori ed ebanisti, a Gubbio gli artigiani del ferro battuto ricostruiscono le armi antiche, a Magione si è mantenuta lavorazione artigianale del rame.