comuni italiani

Recanati


Marche >> Provincia di Macerata >> Comuni in Provincia di Macerata

Recanati


Recanati

Cittadina delle Marche, in provincia di Macerata, con 10.176 abitanti, situata a 293 m di altezza sullo spartiacque della dorsale tra i fiumi Musone e Potenza in posizione panoramica. Mobilifici e industrie tessili.

Il territorio comunale, ampio 103 kmq, conta 21.380 abitanti (17.726 nel 1991).

Storia. Dall'unione dell'antico castello d'età imperiale (nel 553 occupato da Narsete, nel 563 conquistato dai Longobardi, nel 774 donato dal re franco Pipino alla Chiesa) con altri castelli vicini si formò il comune di Recanati.

Favorevole agli svevi, parteggiò per Federico II, da cui ottenne alcune concessioni (1229), e per Manfredi, a cui si sottomise (1263). Durante la cattività della Chiesa in Avignone si ribellò al Papa e perse la sua antica sede vescovile, che riebbe però dal cardinale d'Albornoz (1357).




Dal principio del sec. XV vi fu istituita una fiera annuale che garantì notevole prosperità al paese. Unita alla sede esiscopale di Loreto (1592), andò perdendo importanza. Occupata dai Francesi nel 1797 e nel 1798-99, fu annessa all'Italia nel 1860.

Urbanistica e Monumenti. Presenta uno sviluppo longitudinale e conserva qualche traccia dell'antica struttura. Dei monumenti, notevoli la chiesa di Santa Maria di Castelnuovo, il duomo, la torre civica, ecc.

Meta di pellegrinaggi anche palazzo Leopardi. Vi ha sede il Centro di studi leopardiani.

Cattedrale (XIV sec.). Eretta su preesistente antichissima chiesa di cui rimangono tracce nella cripta, fu molto rimaneggiata nei secoli. All'interno, soffitto a cassettoni del XVII. Attiguo alla chiesa, in un edificio trecentesco, si trova il Museo Diocesano con opere del Guercino, di Giacomo da Recanati e di altri pittori.

Palazzo Leopardi (XVIII sec.). Grande edificio, sorto dall'unione di due palazzi, casa natale di Giacomo Leopardi. Conserva, all'interno, l'importante biblioteca del padre del poeta, e cimeli vari del poeta.

Pinacoteca. Ha sede nel Palazzo Comunale; una sala è dedicata a G. Leopardi, ma è importante, soprattutto, per le molte opere di L. Lotto. Annesso alla pinacoteca, un piccolo museo dedicato a Beniamino Gigli, il tenore recanatese scomparso nel 1957.

Sant' Agostino (XIV sec.). Sulla facciata, portale eseguito su disegno di Giuliano da Maiano nel 1484. All'interno, grandioso, affreschi del XV.

San Domenico. Chiesa romanica, rifatta nel XIV, con bellissimo portale del 1481, attribuito a Giuliano da Maiano.


Informazioni Utili :


Stato : Italia
Regione : Marche
Altitudine : 293 m s.l.m.
Superficie : 103 kmq
Abitanti : 21.380
Frazioni : Bagnolo, Santa Lucia, Castelnuovo, Le Grazie, Chiarino, Montefiore
Comuni Contigui: Macerata, Castelfidardo, Montecassiano, Montefano, Montelupone, Loreto, Porto Recanati, Potenza Picena, Osimo
CAP : 62019
Prefisso telefonico: 071
Nome abitanti : Recanatesi
Festa patronale: 15 Giugno
Santo Patrono : San Vito
Feste e Sagre: -Aprile: I sapori dell'Infinito
-Settembre: Sagra della Frittella
-Settembre: Festa dell'Uva
-Gennaio: Pasquella, gruppi di bambini girano per il paese intonando canti e cori popolari
Giorno di Mercato:

-Primo weeken del mese: Mercatino dell’antiquariato

-Sabato






Foto di Recanati

Panoramica del Paese La Rocca di Senigallia Rotonda a Mare
Panoramica del Paese Monastero di Santo Stefano

La casa natale di Giacomo Leopardi