comuni italiani

Rifugio Arnaldo Bogani


Rifugi Alpini in Italia >> Rifugi Alpini in Lombardia

Rifugio Arnaldo Bogani in Alta Valle dei Mulini

Tutte le informazioni sul Rifugio Arnaldo Bogani in Alta Valle dei Mulini

Il rifugio Bogani sorge nell'alta Valle dei Mulini sul versante Nord del Grignone.

Il Rifugio Bogani, di proprietà della sezione CAI di Monza, si trova alla base del circo del Moncodeno a quota 1816 m, nel mezzo del lariceto. È dotato di cinque camere e due cameroni nel sottotetto per un totale di 53 posti letto (in caso di necessità è possibile alloggiare fino a 70 persone). Servizi igienici interni, e sala da pranzo. Numerosi tavoli esterni.



Rifugio Arnaldo Bogani in Alta Valle dei Mulini



Il rifugio è normalmente aperto tutti i fine settimana (sabato e domenica) dell'anno, e tutti i giorni da metà Giugno a metà Settembre. Per il pernottamento è consigliato prenotare.




È situato nell'ampio anfiteatro settentrionale del Grignone in mezzo ad un magnifico bosco di larici centenari.



Come arrivare al Rifugio Arnaldo Bogani in Alta Valle dei Mulini

Da Varenna sul lago di Lecco imbocchiamo la tortuosa e panoramica provinciale 65 che sale al Passo di Agueglio. Dopo Esino prendiamo la deviazione che passa per il rifugio Cainallo e proseguendo, con un ultimo tratto sterrato, arriva fino in fondo alla Vo di Moncodeno (m. 1440). Lasciata l'auto nel vasto parcheggio ci avviamo verso la vicina cresta spartiacque ma, prima di raggiungerla, prendiamo il sentiero sulla destra segnalato come: Bogani-Brioschi n. 25 (ore 1.30); Bietti-Brioschi n. 24; Monte Croce n. 23. Ci incamminiamo nel bosco in salita. Subito dopo la prima curva troviamo il sentiero n. 23 per il Monte Croce e passiamo accanto ad un icona della madonna. Il sentiero ora si fa pianeggiante. Da questo punto e per una parte del cammino contorniamo il fianco del Grumellone avendo alla nostra sinistra la profonda voragine che scende ripida sulla Valle dei Mulini. Il sentiero è abbastanza ampio ma è comunque opportuno non distrarsi. Procediamo in un bosco di faggi.

Con alcuni gradini di legno percorriamo un tratto in salita che termina con un intaglio nella roccia. Proseguiamo alternando tre tratti in piano ad altri in lieve salita. Superiamo una passerella di assi ricoperti di terra e percorriamo ancora tre tratti alternati di salita e piano.

Lasciamo sulla destra il sentiero n. 24 per il rifugio Bietti e la Cresta di Piancaformia e proseguiamo diritto. Più avanti scendiamo per 70 metri mentre ammiriamo i due splendidi torrioni del Frate e della Monaca (vedi foto) situati poco sotto il sentiero. Riprendiamo in ripida ascesa, passiamo su due tronchi che fanno da passerella e poi continuiamo con un tratto in piano. Superiamo un cancello di legno e riprendiamo a salire.

Il sentiero ora si divide in due e prendiamo a sinistra perché sembra più agevole. Poi ci ricongiungiamo all'altro ramo, dopo aver lasciato sulla sinistra il sentiero n. 39 per Prato San Pietro e la Valle dei Mulini. Il bosco è terminato; ora proseguiamo per prati contornati da qualche larice. A quota 1700 troviamo una baita con stalla e fontana e poco dopo una pozza coperta da tronchi che serve come abbeveratoio per le mucche.

Ignoriamo un paio di sentierini sulla sinistra e proseguiamo diritto come indica un cartello su un larice. La costruzione bianco rossa del rifugio ci appare all'improvviso quando ormai siamo arrivati. Troviamo sulla destra il sentiero n. 19 per la Bocchetta di Prada e il rifugio Bietti e giungiamo alla meta.

Tempo impiegato: ore 1.30 - Dislivello: m. +446 -70



Itinerari e sentieri nei pressi del Rifugio Arnaldo Bogani

Escursione geologica sul Grignone: Cainallo - Porta di Prada - Rifugio Bogani

- Partenza: Cainallo di Esino Lario 1290 m
- Arrivo: rifugio Bogani 1822 m
- Dislivello 522 m, percorso facile
- Segnavia CAI 24 - 25
- Tempo di percorrenza: andata ore 2,45; ritorno ore 1,40

Escursione facile tra faggi e larici, con vista sul centro lago e sulla Valsassina. Si passa dalla Porta di Prada, interessante fenomeno geologico di erosione. Si giunge al rifugio Bogani sul versante nord della Grigna Settentrionale, e si torna al punto di partenza passando dall'Alpe Moncodeno.



Escursione geologica storica sul Grignone: Cainallo - Ghiacciaia di Moncodeno - Rifugio Bogani

- Partenza: Cainallo di Esino Lario 1290 m
-Arrivo rifugio Bogani 1822 m
-Dislivello 522 m, percorso di media difficoltà
-Segnavia CAI 25
-Tempo di percorrenza ore 2,30; ritorno ore 1,40.

Partendo dal Cainallo ci si inoltra sulle pendici settentrionali del Grignone. Si consiglia la visita alla ghiacciaia di Moncodeno (già descritta anche da Leonardo da Vinci) con l'aiuto di una guida che assicura con la corda di calata e fornisce casco, imbracatura e pila frontale.

L'escursione si svolge poi sulla testata della valle dei Molini: dopo la visita alla ghiacciaia si sale fino al rifugio Bogani.



Escursione sul Grignone: Cainallo - Rifugio Bogani - Cresta di Piancaformia - Rifugio Brioschi- Rifugio Antonietta - Pasturo

-Partenza: Cainallo di Esino Lario 1290 m
-Punto più alto: rifugio Brioschi sulla cima della Grigna Settentrionale 2049 m
-Dislivello 1119 m, percorso impegnativo per escursionisti esperti
-Segnavia CAI 25 - 33 Tempo di percorrenza ore 5,20 in salita (previsto il pernottamento al Rifugio Brioschi) Discesa: dalla cima del Grignone al colle di Balivi: dislivello 1676 m Tempo di discesa ore 3,30 .

Partendo dal Cainallo si sale su una delle montagne più famose della Lombardia. Si passa dal rifugio Bogani e quindi si sale per l.aerea cresta di Piancaformia fino alla vetta del Grignone. Si scende quindi lungo il versante meridionale della montagna.



Servizi e prezzi del Rifugio Arnaldo Bogani in Alta Valle dei Mulini


Listino prezzi sul sito ufficiale: https://www.rifugiobogani.com