comuni italiani

41° Festa del Piemont


Piemonte >> Provincia di Cuneo


41° Festa del Piemont

Piemonte

La Festa dël Piemont festeggia la 41^ edizione con due settimane di manifestazioni raccolte intorno ad un'unica e indiscussa protagonista: la lingua piemontese, cioé l'idioma regionale del Piemonte.

Dal 21 maggio al 1 giugno si animerà nella terra dei grandi vini, dei tartufi e dei castelli del sud Piemonte, tra i comuni di Alba, Bra, Castino, Cherasco e Cuneo, un evento dedicato ad illustrare il valore della letteratura, della poesia, della musica e della prosa di una delle lingue che fu di stato, di popolo e di nobiltà.

La Festa nasce nel 1968 per volontà della Compania dij Brandé, associazione di poeti e prosatori fondata nel 1933 che da allora organizza una serie di festeggiamenti annuali dedicati alla lingua piemontese. Il primo fu al Santuario di Graglia (Bi) e per l'occasione giunsero sul luogo gli emigranti argentini e francesi e tutti i poeti e prosatori del Piemonte. Ma la Festa simboleggia anche un'altra ricorrenza: la promulgazione dello statuto della Regione Piemonte che avvenne il 22 maggio 1971.

Da allora, con l'aiuto delle amministrazioni che hanno ospitato l'iniziativa itinerante e delle associazioni culturali piemontesiste sparse sul territorio nazionale, si festeggia nel mese di maggio la lingua regionale "tirata a festa".

Dibattiti sulla lingua e la cultura piemontese, rappresentazioni teatrali, concerti di musica tradizionale animeranno l'evento di questa edizione che culminerà nell'ultimo weekend di maggio a Cherasco dove avrà luogo un incontro mondiale delle Wikipedia nelle lingue regionali, e dove, domenica 1° giugno, la sfilata del Gran Drapò in arrivo da Biella e i concerti di gruppi folk provenienti da tutto il Piemonte concluderanno i festeggiamenti.

Il Drapò è la bandiera storica del Piemonte, quella che i Brandé conservarono gelosamente fino a quando la regione la adottò come bandiera regionale. Ad attenderlo, alle ore 10.00 di domenica 1° giugno, oltre all'amministrazione di Cherasco, città che ospita la festa, ci saranno Mercedes Bresso, presidente della Regione Piemonte, Raffaele Costa, presidente della Provincia di Cuneo e i rappresentanti delle città di Bra e Alba.

Ricco il programma delle iniziative che partirà il 21 maggio dalla Borgata Pavaglione di Castino con la presentazione della 41^ Festa dël Piemont e con l'incontro-dibattito "Il langhèt, una lingua a modello di cultura da esportare" cui interverranno Bruna Sibille, Assessore Regionale alla Montagna; Enrico Pregliasco, Presidente della Comunità Montana Langa delle Valli; Silvio Viberti e Primo Culasso autori del dizionario Rastlèire; Batista Cornaglia, Presidente Associassion Coltural Piemontèisa GoPiedmont. All'incontro seguirà una degustazione di vini a cura dell'Enoteca Regionale Colline del Moscato.

Ma gli appuntamenti proseguiranno con gli Òsto dël pensé: sei incontri che riprendono la tradizione dei caffè letterari, in cui si affrontano vari temi legati alla lingua e alla letteratura, e più in generale alla cultura, piemontesi. Seguiti da degustazioni di vino a cura dell'Enoteca Regionale del Roero e da spettacoli musicali e teatrali vantano, tra i principali ospiti, Candida Rabbia, Tòjo Fnoj e Sergio Maria Gilardino.




Grazie al programma artistico della Festa dël Piemont si potrà avere una panoramica delle migliori produzioni teatrali e musicali tradizionali della regione. Il teatro, con i Musicant di Riva di Chieri e la compagnia di Oscar Barile, offrirà quanto di meglio ci sia oggi in Piemonte mentre il panorama musicale prevede la presenza di: Roberto Balocco, portatore di tradizione non solo legata alla piòla ma anche al grande repertorio di Isler e delle ballate sociali; l'Ariondassa e i Musicant di Alba con il canto dell'osteria nella sua genuina bellezza; la ricerca delle radici più profonde con i Canalensis Brando e il Quintet di Enzo Vacca; la grande tradizione del coro con i Sòcio 'dla bira e la fisarmonica regina del Gruppo fisarmoniche del Monviso.

Recenti sondaggi dell'Ires hanno stabilito la presenza, in Piemonte, di più di 2 milioni di persone parlanti piemontese, e più di un milione e mezzo di parlanti passivi; una lingua viva ed europea, che sarà legata ai convegni del 31 maggio a Cherasco, (Congresso internazionale delle Wikipedia in lingua regionale, l'enciclopedia on line più grande del mondo) e del 24 maggio ad Alba (Congresso regionale della Wikipedia piemontese a cui prenderà parte l'assessore alla Cultura della Regione Piemonte Gianni Oliva).

Ma domenica 1° giugno il centro storico di Cherasco si animerà anche con gli stand dell'Eccellenza Artigiana Piemontese (dalla ceramica al legno, dagli strumenti musicali al vetro), con il 1° annullo filatelico Festa dël Piemont e con i libri dei principali editori regionali. E per chi vuole vivere il territorio, in collaborazione con l'Ente Turismo Alba Bra Langhe Roero, nel weekend pacchetti ad hoc per soggiorni in zona abbinati ad un corso "speedy" di piemontese tenuto da Davide Damilano, insegnante di lingua piemontese e coordinatore dei corsi per la "Ca dë studi piemontèis" (www.piemontevic.com).

La 41^ Festa dël Piemont è organizzata da GoPiedmont - Associassion Coltural Piemontèisa in collaborazione con Regione Piemonte, Città di Cherasco, Città di Bra, Città di Alba e Città di Cuneo.

Info su www.gopiedmont.org