comuni italiani

Vercelli


Piemonte >>

Comune di Vercelli

Vercelli

Vercelli, tradizioni e cultura

Città del Piemonte, capoluogo di provincia, con 54.934 abitanti, situata a 130 metri di altezza alla destra del fiume Sesia. Nel territorio comunale, ampio 79,9 kmq, e con 56.494 abitanti (50.907 nel 2001), vi sono vaste risaie.

Storia. L'antica Vercellae, sorta nel secolo III a.c., fu un'importante base romana nelle operazioni contro i Salassi della Valle d'Aosta. Nei suoi pressi, ai Campi Raudì, Mario sconfisse i Cimbri (101). Tacito la Ticorda come un importante municipio, iscritto alla tribù Aniense. Sede vescovile fin dal 340, alla caduta dell'Impero, Vercelli divenne ducato longobardo, poi capoluogo di una contea carolingia; lottò contro Arduino d'Ivrea (sec. X) e nella seconda metà del sec. XI si costituì in comune.

Avversaria di Federico Barbarossa, perse l'indipendenza nel 1335. Nel 1427 passò ai Savoia e fu una delle poche città sabaude non occupate dai Francesi. Occupata dagli Spagnoli dal 1638 al 1659, e dai Francesi nel 1704, capoluogo del dipartimento della Sesia (1814), tornò ai Savoia con la Restaurazione.

Arte. La città è ricca di monumenti romanici: le chiese di S. Bernardo, S. Giuliano, S. Paolo (alterata nel sec. XVIII), l'Ospedale Maggiore e il castello. La chiesa di S. Andrea segna il passaggio al gotico con l'adiacente abbazia di tipo cistercense. Fra gli edifici rinascimentali sono da ricordare: la torre dei Tizzoni ottagonale, la casa Centoris, la chiesa di S. Cristoforo con affreschi.




La cattedrale, innalzata nel sec. XVI su preesistenti edifìci romani, è stata rinnovata nel sec. XVIII e nella biblioteca capitolare conserva preziosi codici miniati. In stile barocco sono: il seminario con un cortile di F. Juvara, i palazzi Avogadro, Langosco e del governo, le chiese di S. Chiara di B. Vittone, S. Lorenzo.

Tra i musei sono da ricordare il museo Borgogna, con una notevole raccolta di pitture, soprattutto di scuola vercellese, il museo Leone, il museo del tesoro della cattedrale.

Codice di Vercelli. Manoscritto risalente al sec. XI, conservato nella biblioteca di e contenente poemetti in inglese, alcuni déi quali attribuiti a Cynewulf. Proviene, forse, da un olipizio di Vercelli per pellegrini inglesi.

Provincia di Vercelli. Ampia 3.001 kmq e con 406.252 abitanti (2001; densità 135 ab./kmq), suddivisi in 169 comuni, si divide in una zona alpina, intorno al Monte Rosa, una zona prealpina, costituita dal Biellese e dalla Valsesia, una zona morenica con il versante settentrionale della Serra e una zona diluviale antica (denominata Baraggia).

La popolazione è distribuita soprattutto nelle colline biellesi e in Valsesia per l'industria vinicola e nella pianura di Vercelli per la risicoltura. Fiorenti l'agricoltura e l'allevamento. Le principali industrie sono quelle tessili, della carta, alimentari.