comuni italiani

Vini Marchigiani


Marche >>

Vini tipici delle Marche


Marche

Il vino: sulle colline del Verdicchio

I centi storici che sono ricchi di atmosfera e con molte tradizioni enogastronomiche che fanno delle Marche una Regione tutta da scorprire.

Ecco allora il nostro itinerario enogastronomico alla scoperta dei gusti tipici delle Marche.

Partendo da Jesi, città natale di Federico II e del musicista Pergolesi, racchiusa da mura medioevali. Piacevole la passeggiata nel centro storico, per ammirare antichi palazzi e curiosare nelle molte botteghe artigianali, concedendosi soste per degustare i vini locali (Verdicchio, ma anche Esino e Vermentino dei Castelli di Jesi) e apprezzare la ricca cucina (pizza al formaggio, trippa, vincisgrassi).

A Staffolo (in tutto sono 20 km), centro vitivinicolo nelle Colline del Verdicchio, che conserva un suggestivo borgo medioevale. Qui, in settembre, si tiene la Festa del Verdicchio, una manifestazione culturalgastronomica che culmina con l'attribuzione del "Verdicchio d'Oro". Molti i prodotti tipici, dai formaggi ai salumi, ai dolci.

A Cupramontana, inserita in un dolce paesaggio di vigneti e sede di rinomate cantine. Interessante il Museo Internazionale dell'Etichetta, con esemplari di valore storico e artistico.




A Fabriano (circa 30 km). Nella bellissima piazza del Comune, si ammira la fontana rotonda del 1285. Da non perdere il Museo della Carta e della Filigrana, che testimonia la lunga tradizione dei maestri carta i di Fabriano, iniziata nel 1200, e la Pinacoteca Civica, che accoglie affreschi di epoca romanica e dipinti della scuola fabrianese. Altre irrinunciabili soste riguardano assaggi e acquisti di specialità locali: rinomati salumi (salame e soppressata), ma anche funghi e tartufi, formaggi, vini, dolci.

Il nostro percorso termina, per ragioni di spazio e ti tempo, a Matelica, che dista poco più di 20 km da Fabriano. Si visitano il centro storico e il quattrocentesco palazzo Piersanti, che ospita notevoli opere d'arte. Degustazioni obbligate per il Verdicchio di Matelica (il vino doc locale, alla cui qualità giovano il microclima e la natura dei terreni) e per pasta, formaggi e interessanti salumi come il ciaùscolo, insaccato di suino di impasto fine e spalmabile, dal gusto aromatico e leggermente affumicato.