comuni italiani

Toscana: località degne di nota


Toscana >>


Turismo in Toscana

Massa Marittima

Luoghi da visitare in Toscana (2)

Fatta costruire da Corrado Ricci nel 1905, la Pinacoteca di Volterra annovera dipinti toscani del periodo compreso tra il XIII e il XVII secolo. Vi si possono trovare opere di Domenico Ghirlandaio, Luca Signorelli, Daniele da Volterra. Da vedere assolutamente la "Deposizione di Volterra" del Rosso Fiorentino del 1521.

PINACOTECA E MUSEO CIVICO si trovano a Palazzo Minucci Solaini, via dei Sarti 1, 56048 Volterra (Pisa). E possibile visitare anche il Museo Etrusco e il Museo Diocesano.

Fiesole (La città del Beato)
Fiesole situata a pochi chilometri a nord di Firenze, regala un panorama suggestivo sui colli toscani. in questo luogo il Beato Angelico fu priore nel convento di San Domenico; da questo prese il nome il famoso scultore Mino da Fiesole a quale è dedicata la piazza centrale sulla quale sono costruiti il duomo, il seminario, il palazzo Vescovile e il palazzo Pretorio. Il duomo è una costruzione romanica del secolo XI, dedicata a San Romolo, raffigurato in una terracotta policroma di posta nella lunetta del portale nel mezzo della facciata, successivamente restaurata. L'interno della basilica è a tre navate poggiate su colonne con capitelli romani, e comprende al suo interno due sculture di Mino da Fiesole.

in posizione centrale rispetto alla piazza la chiesa gotica di San Francesco, al cui interno sono conservate: oltre la sagrestia, nella cappella di S. Antonio, un presepio di scuola robbiana. Da vedere i chiostri.




Nei pressi di Firenze, si può visitare la Certosa del Galluzzo o di Val d'Ema, comprensorio costruito nel 1342 da Niccolò Acciaioli. Nel palazzo Gotico degli Studi sono raccolti gli affreschi di Pontormo, che raffigurano scene della Passione. La chiesa di San Lorenzo, ha notevoli opere del '500 nel coro dei monaci. Terrecotte nel parlatorio del monastero e nel chiostro grande su cui affacciano le celle dei monaci.

A Empoli per Masolino
Il Museo della Collegiata di Sant'Andrea è suddiviso in due sale al pianterreno e in quattro al piano superiore. A pianterreno si può visitare un fonte battesimale di scuola donatelliana del 1447. Notevoli altre opere di arte toscana sono presenti, come un trittico attribuito al Lorenzo Monaco, "San Giovanni e San Michele" del Pontormo, varie opere del Botticini, un bassorilievo di Mino da Fiesole, e inoltre sculture di scuola toscana dal XV al XVIII secolo. Da vedere assolutamente la "Pietà" di Masolino da Panicale.

MUSEO DELLA COLLEGIATA DI SANT'ANDREA, piazza della Prepositura 3, 50053 Empoli (Firenze) T 0571 76284.

Massa Marittima (All' ombra della fortezza)
Massa Marittima in provincia di Grosseto, e una città ancora racchiusa all'interno delle sue mura, divisa nelle due città (la vecchia e la nuova) alle quali fa da sfondo la fortezza senese costruita nel 1337 che si presenta con la sua struttura medioevale posizionata sulla collina. La piazza centrale della città vecchia attualmente piazza Garibaldi, è un tipico esempio di urbanistica medioevale chew serve le funzioni della vita cittadina. Qui sono costruiti una serie di edifici che offrono una diversa prospettiva ad ogni angolazione. Il duomo, si pone con la bellezza della sua facciata abbellita da una serie di archi ciechi che proseguono nel lato sinistro. Eretto nel XII secolo grazie ad un architetto pisano e in onore a San Cerbone, la cui vita è narrata nell'architrave del portale della facciata, contiene all'interno opere di grandissima importanza, tra le quali la tavola che raffigura la "Madonna delle Grazie" riconducibile all'ambito di Duccio da Buoninsegna, e molto probabilmente a Duccio stesso.

Sul retro del duomo una crocifissione e scene della Passione. Il maestoso campanile, posto al vertice del sagrato, tra la parte sinistra del duomo e la facciata del palazzo Vescovile. Nella parte estrema della piazza, il palazzo Pretorio, che fu antica residenza dei podestà, la cui facciata, è addobbata con stemmi in pietra. La "città nuova" che si trova nella parte alta di Massa, è nata secondo il piano regolatore compilato dal Comune nel 1228 per soddisfare le esigenze urbanistiche. Nata come un quartiere residenziale, è collegata al vecchio nucleo tramite la Porta alle Silici. Nella "città nuova" è stata eretta la chiesa romanicogotica di S. Agostino nel XIII secolo, costituita da un'abside poligonale, finestre a ogiva sui lati e bellissimo rosone sulla facciata.

Terrecotte e avori
Il Museo Bandini contiene terrecotte robbiane e avori, quadri e sculture della scuola toscana del XIII e XVII secolo attribuiti a Giovanni da Ponte, lacopo del Sellaio, Lorenzo Monaco, Andrea Rico da Candia ecc.. Il museo si trova in via Portigiani 1, 50014 a Fiesole (Firenze). Il biglietto consente di visitare anche il teatro romano nelle vicinanze.

La Madonna col bambino
Il Museo Diocesano annovera dipinti, affreschi, sculture, oreficerie, tessuti e arredi sacri. Il più importanti dei quali la "Madonna col Bambino", scultura in legno di lacopo della Quercia. Nel museo si può osservare anche una piccola collezione dell'artista Francesco Zuccarelli del '700, che è autore delle due pale d'altare del duomo medioevale.

Il Museo Diocesano, è situato presso Fortezza Orsini, in piazza Fortezza Orsini, a Pitigliano in privincia di Grosseto.

Un pollaiolo da non perdere
A Poggibonsi in provincia di Siena e situato il Museo della Pieve di Staggia, nella collegiata di Santa Maria Assunta in piazza Grazzini 4, frazione Staggia e conserva dipinti, resti di affreschi, oreficerie e arredi liturgici. Da vedere assolutamente all'interno del museo la bellissima "Comunione di Santa Maria Maddalena" del Pollaiolo.