comuni italiani

Expo 2015 a Milano


Lombardia >> Provincia di Milano >> Comuni in Provincia di Milano


Expo 2015 a Milano


Expo 2017Esposizione internazionale è il nome generico che descrive diverse grandi esposizioni svoltesi fin dalla metà del 19° secolo. L’organismo mondiale che dirige la frequenza, la qualità e lo svolgimento di queste esposizioni si chiama Bureau International des Expositions (generalmente abbreviato in BIE) che nasce da una convention internazionale firmata a Parigi nel 1928. Attualmente sono iscritti al BIE 98 Stati.

Le esposizioni che gestisce il BIE sono fiere internazionali a carattere non commerciale con durata superiore alle tre settimane organizzate ufficialmente da una nazione e che prevedono la partecipazione delle altre nazioni invitate tramite canali diplomatici dalla nazione ospitante.

La prima Esposizione Universale è considerata quella che si svolse a Londra nel 1851.

Il successo di questo evento ha portato altri stati ad organizzare iniziative simili, quali l’Exposition Universelle di Parigi del 1889 ricordata per la costruzione della Torre Eiffel.

Fin dai primi anni il BIE ha gestito due diverse categorie di esposizioni: le esposizioni universali e le esposizioni specializzate.


Expo Universali e Expo Internazionali
Le caratteristiche distintive di queste due categorie di esposizione sono riportate di seguito:

Esposizioni Internazionale Registrata (World Exhibition)
-Frequenza: ogni 5 anni
-Durata: almeno 6 mesi
-Area: non si prevedono limitazioni
-Tema: generale (che interessa la gamma completa dell’esperienza umana).

Esposizione Internazionale Riconosciuta (Specialitic Exhibition)
-Frequenza: durante gli intervalli tra due Esposizioni Internazionale Registrate
-Durata: almeno 3 mesi
-Area: almeno 25 ettari
-Tema: specializzato (sono solitamente unite da un tema comune).



Notizia dell'Assegnazione a Milano di Expo
Sarà Milano la capitale di Expò 2015
. Il verdetto è stato comunicato dal Bie che ha scelto il capoluogo lombardo piuttosto che la città turca di Smirne con 86 voti contro 65 su 151 Paesi votanti.

Contenta ma ''con un senso di responsabilità per i progetti che ora iniziano a svilupparsi'', il sindaco Moratti, ha voluto precisare come questa vittoria rappresenti ''una grande soddisfazione per Milano, la Lombardia e tutta l'Italia''.

Un ''risultato mai messo in discussione" , una vittoria ottenuta dopo ''una gara impegnativa perché la Turchia ha presentato progetti molto importanti e ha svolto un'azione di pressing molto forte'', ha detto il presidentissimo della Regione Lombardia, Roberto Formigoni. ''Avevamo calcolato circa 90 voti a nostro favore - ha aggiunto - e ci siamo arrivati vicinissimi''.

''E' stata una gara importante - ha commentato il presidente della Provincia di Milano Filippo Penati - che ha portato a una vittoria a dir poco storica. Dopo più di un secolo l'area metropolitana di Milano ospiterà l'esposizione universale e la vetrina privilegiata sul resto del mondo''.

''Viva soddisfazione'' è stata manifestata altresì dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano secondo cui ''il brillante risultato odierno'' conferma come ''l'eccellenza del sistema Italia sia pienamente riconosciuta ed apprezzata a livello internazionale''.


Come cambierà Milano in vista dell'Expo
Verrà impegnata per Expo 2015 una superficie di circa 1.700.000 m², nel territorio dei piccoli centri di Pero e di Rho. Oltre alle aree dedicate all'esposizione dell'attuale zona fiere, costruita dall'architetto Massimiliano Fuksas, si utilizzerà un'area, oggi agricola, adiacente il carcere del comune di Bollate, ove sarà possibile creare supporti tecnici e logistici in una zona di 210 ettari sul territorio del comune di Arese, nei pressi della fiera. Nell'area dell' Expo ci saranno inoltre zone adibite a bar e ristoranti, negozi e una piazza: "Piazza Italia".




La suddetta zona sarebbe interessata da un progetto di riqualificazione, incentrato su un grande lago artificiale intorno al quale sorgerebbero i padiglioni dedicati alla Expo, e da una grande torre centrale di 200 metri di altezza, di collegamento tra l'area-fiera e l'area-expo. La nuova torre sorgerà nelle vicinanze della futura stazione della TAV di Rho-Pero.

La zona sarà collegata a Milano da due percorsi di circa 20 km, uno d'acqua e uno di terra. Il primo prevede il restauro di alcuni tratti del naviglio grande per poter collegare grazie ai suoi numerosi canali il centro del capoluogo alla zona fiere, partendo dalla città e passando attraverso il Parco delle Cave.

Il percorso di terra invece metterà in collegamento tutti i luoghi caratteristici di Milano, come ad esempio il Parco delle Basiliche, la zona definita Garibaldi-Repubblica, il Cimitero Monumentale di Milano, il Castello Sforzesco e il Parco Sempione, la "vecchia zona fiere" e la zona di San Siro fino al sito di Expo 2017.

-Sulla vecchia zona fiere nascerà il progetto CityLife.
-In zona Garibaldi-Repubblica verrà costruto un quartiere nuovo: "La città della moda".
-Nella zona ormai dismessa dell' Alfa Romeo saranno inaugurati: negozi, servizi, abitazioni ed un giardino. Oltre che al "Jewellery Center", il centro dei gioielli.
-A Porta Vittoria, nella zona ormai dismessa delle FS, nascerà la "Biblioteca Europea di Informazione e Cultura".
-A Rogoredo-Santa Giulia verrà costruita un'area residenziale con una zona adibita a parco chiamata "Cittadella della giustizia".
-In zona Bicocca sorgerà, nelle zone dell'ex Manifattura Tabacchi, la "Città del cinema" collegata all'Università degli Studi di Milano-Bicocca. Rappresenterà la Cinecittà milanese.
-In zona Bovisa sorgerà un nuovo polo tecnologico gestito dal Politecnico di Milano.

Come ricordatoci più volte dal motto della campagna promozionale "Io Expo, e tu?"



Visita il sito istituzionale della manifestazione : http://www.milanoexpo-2015.com